Sguardi doc sull’Oriente

Due recenti documentari italiani affrontano la complessa realtà dell’India e della Cina, secondo prospettive completamente opposte. Il primo è Pink Gang di Enrico Bisi (2010, 80’). India, stato dell’Uttar Pradesh, provincia di Banda. Più del 20% della popolazione è “intoccabile”, appartiene cioè alla casta più bassa (e di conseguenza più povera). In una società ancora feudale e dominata dall’uomo, le donne sono le prime vittime di discriminazioni e abusi. “Nessuno ci viene ad aiutare” dice Sampat Pal Devi, 47 anni, sposata all’età di 9 e madre di cinque figli, che per reagire a questo stato di cose fonda le Gulabi Gang (Pink Gang). In appena due anni raccoglie centinaia di membri, provenienti dalle caste inferiori; vivono in capanne di fango e mattoni, senza acqua né luce, sopravvivendo con meno di un euro al giorno.(continua)

Dante Albanesi per ildocumentario.it

Annunci

Pubblicato il 3 ottobre 2010, in recensioni con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...